Diritti Tv: ennesimo nulla di fatto, venerdì nuova assemblea

diritti tv ecco la situazione come sta

Diritti Tv, nuova fumata nera. Nonostante 11 club abbiano scelto Dazn, non si è ancora raggiunto l’accordo.

Ennesimo nulla di fatto nell’ultima Assemblea di Lega per l’assegnazione dei diritti tv della Serie A. Dazn ha raggiunto 11 club a suo favore, con Cairo che si è detto favorevole alla sua proposta. La scadenza dell’attuale bando, fissata per lunedì 29 marzo, si avvicina sempre più ma i dirigenti dei 20 club di Serie A non riescono a trovare una posizione condivisa.

Diritti Tv: Sky manda una lettera ai club di Serie A in cui conferma il proprio impegno anche dopo la scadenza del 29 marzo.

Nella votazione di ieri, il numero delle società a favore di Dazn è arrivato a quota 11 (Atalanta, Fiorentina, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Parma, Udinese e Torino).

Il quorum, però, è fissato in 14. Otto sono le squadre che si sono astenute (Benevento, Bologna, Crotone, Genoa, Roma, Sampdoria, Sassuolo e Spezia), mentre il Cagliari che ha abbandonato al momento di esprimere la propria preferenza.

A impedire la fumata bianca la posizione di oltranzismo portata avanti soprattutto dai presidenti di Genoa e Sampdoria Preziosi e Ferrero che, anche nelle scorse ore, hanno chiesto ulteriori garanzie a Dazn sulla copertura del segnale e che continuano a preferire la proposta di Sky. Le parti si aggiorneranno venerdì in una nuova assemblea.

Sky, intanto, ha inviato una lettera ai presidenti delle squadre in cui conferma l’impegno di acquisto dei diritti tv anche dopo la scadenza, aprendo anche alla possibilità di ritoccare verso l’alto l’offerta.