Europa League: il Napoli vince ma non basta, al Granada la qualificazione

oshimeh esultanza dopo un gol

Europa League, Napoli-Granada 2-1. Gli azzurri vincono ma passano gli spagnoli, fatale la sconfitta dell’andata (2-0).

Il Napoli esce dall’Europa League. Gli azzurri vincono la partita per 2-1 ma non basta, vista la sconfitta dell’andata per 2-0, Granada che quindi conquista gli ottavi della competizione.

Gli uomini di Gattuso erano partiti bene segnando subito, ma non è bastato. Si sono, infatti, fatti raggiungere a metà primo tempo, nel secondo sono tornati avanti ma non hanno segnato abbastanza gol.

gattuso durante un intervista a sky sport

Europa League: complice le tante assenze, il Napoli presenta un nuovo modulo per tentare l’impresa.

Serviva vincere con 3 gol di scarto per qualificarsi, impresa non impossibile ma che comunque non si è verificata per il Napoli nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.

Gli azzurri vincono con un solo gol di scarto (2-1) fallendo quindi la qualificazione che va al Granada.

Per l’occasione Gattuso aveva preparato un Napoli tutto nuovo, schierato con il 3-4-1-2, complici anche le tante assenze, soprattutto in attacco. La sorpresa sembrava aver funzionato, con Zielinski che segna l’1-0 dopo appena 3’.

Dopo il gol, però, il Napoli invece di accelerare rallenta, complice anche la confusione derivante dal nuovo modulo, e al 25’ subisce il gol del pareggio: Foulquier crossa indisturbato dalla destra e Montoro, altrettanto indisturbato, di testa batte Meret.

I padroni di casa subiscono il contraccolpo e la partita si innervosisce, con l’arbitro costretto a tirare fuori 4 cartellini gialli in 4 minuti. Il primo tempo si chiude con il Napoli che cerca di passare di nuovo avanti.

Nel secondo tempo Ghoulam sostituisce Maksimovic e il Napoli si schiera a 4 dietro, con 3 centrocampisti e 3 attaccanti.

La manovra migliora sensibilmente rispetto il primo tempo e gli azzurri si lanciano all’attacco, mentre gli spagnoli le tentano tutte per portare a casa il risultato.

Al 59’ Insigne imbuca per Ruiz che a tu per tu con il portiere sigla il 2-1. Da li in poi è un monologo azzurro con Silva, portiere del Granada, che costretto agli straordinari, in particolare su Ghoulam in pieno recupero.