F1, Leclerc: “Sarei piaciuto a Enzo? È un onore”

f1-ferrari

F1. In attesa del GP in Turchia, Charles Leclerc ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa.

Charles Leclerc ha parlato oggi in conferenza stampa in previsione del prossimo Gran Premio di F1, quello di Turchia.

“Come va il nuovo motore? Non è qualcosa che fa la differenza, ma è uno step in avanti nella giusta direzione e spero che sistemando tutti i dettagli presto la Ferrari tornerà a lottare per la vittoria” spiega il monegasco a proposito della nuova power unit montata sulla monoposto.

“Non finì bene per me – ha spiegato a proposito del podio sfiorato lo scorso anno – ma mentre tutti si lamentavano dei problemi di aderenza, per noi non fu un brutto fine settimana. Siamo pronti in ogni caso, che le condizioni di aderenza siano le stesse dell’anno scorso o migliori. Se fossero ancora difficili magari per noi potrebbe essere un vantaggio”.

Gli è stato poi chiesto un parere sul vincitore del mondiale, con Verstappen e Hamilton separati da appena due punti in favore dell’inglese: Impossibile dirlo, sono davvero vicini vorrei essere lì a giocarmela con loro, ma non essendo possibile, allora dico Verstappen, secondo me sta facendo più gare veloci rispetto a Lewis, che pure è sempre veloce ed è sempre lì anche quando non te lo aspetti. Ma a sensazione dico Verstappen”.

In chiusura i ringraziamenti a Piero Ferrari, figlio del grande Enzo, a proposito dei complimenti rivoltigli da quest’ultimo: “È un onore sentirlo – ha detto LeclercEnzo Ferrari è stato una leggenda e anche Piero è grande. È stupendo sentire questi giudizi, ma resto concentrato sulla guida e a fare bene quello che amo. Se Enzo Ferrari sarebbe stato il capo ideale? Non saprei, di sicuro è una persona che ha ispirato e ha raggiunto grandi traguardi. Di certo sarebbe stato un capo speciale”.