Lazio: dura risposta allo striscione degli Ultras

Lazio, arrivata la risposta della società allo striscione contro Hysaj esposto dagli Ultras. Arriva nella giornata di oggi la risposta della Lazio contro il vergognoso striscione esposto dagli Ultras “Hysaj verme, la Lazio è fascista”. Il terzino ex Napoli aveva postato un video in cui canta Bella Ciao. Da qui la contestazione di quei “tifosi” più estremisti. Dura anche la risposta della società, che condanna questi atteggiamenti e si schiera con il proprio calciatore. Si legge nella nota sul sito del club: “La Società Sportiva Lazio condanna fermamente il vergognoso striscione contro il calciatore Elseid Hysaj. Non è il primo episodio di questo tipo. Noi non saremo mai dalla parte di chi nega i valori dello sport. Siamo senza indugio invece dalla parte del nostro atleta e di tutti gli altri calciatori impegnati in queste settimane nel ritiro precampionato. Prendiamo nettamente le distanze da chi vuole strumentalizzare per fini politici questa vicenda che danneggia la squadra, tutti i tifosi laziali e la società. Non ci faremo intimidire da chi usa toni violenti ed aggressivi: per loro non c’è alcuno spazio nel nostro mondo che invece è ispirato ai sani valori sportivi della lealtà e della competizione, del rispetto reciproco e della convivenza civile ed indirizzato al superamento di tutti gli steccati di carattere sociale, culturale, economico e razziale”.

Lazio, arrivata la risposta della società allo striscione contro Hysaj esposto dagli Ultras.

Arriva nella giornata di oggi la risposta della Lazio contro il vergognoso striscione esposto dagli Ultras “Hysaj verme, la Lazio è fascista”. Il terzino ex Napoli aveva postato un video in cui canta Bella Ciao.

Da qui la contestazione di quei “tifosi” più estremisti. Dura anche la risposta della società, che condanna questi atteggiamenti e si schiera con il proprio calciatore.

Si legge nella nota sul sito del club:

“La Società Sportiva Lazio condanna fermamente il vergognoso striscione contro il calciatore Elseid Hysaj. Non è il primo episodio di questo tipo. Noi non saremo mai dalla parte di chi nega i valori dello sport. Siamo senza indugio invece dalla parte del nostro atleta e di tutti gli altri calciatori impegnati in queste settimane nel ritiro precampionato. Prendiamo nettamente le distanze da chi vuole strumentalizzare per fini politici questa vicenda che danneggia la squadra, tutti i tifosi laziali e la società. Non ci faremo intimidire da chi usa toni violenti ed aggressivi: per loro non c’è alcuno spazio nel nostro mondo che invece è ispirato ai sani valori sportivi della lealtà e della competizione, del rispetto reciproco e della convivenza civile ed indirizzato al superamento di tutti gli steccati di carattere sociale, culturale, economico e razziale”.