Serie A: il Napoli batte la Sampdoria con un gol per tempo

mertens il capitano del napoli

Serie A, 30°giornata. Sampdoria-Napoli 0-2: F.Ruiz e Osimhen portano i 3 punti agli azzurri.

Serie A, 30° giornata. Il Napoli batte la Sampdoria per 0-2, grazie ai gol di Fabian Ruiz, nel primo tempo, e di Osimhen nel secondo. Da segnalare un gol annullato dal VAR al blucerchiato Thorsby.

Buona la prova degli uomini di Gattuso che si riprendono alla grande dopo lo stop nel recupero contro la Juventus. Gli azzurri si mettono nella migliore posizione possibile in vista dello scontro con l’Inter alla prossima.

La Partita. I padroni di casa non recuperano Ekdal e così mister Ranieri opta per Damsgaard centrocampista centrale nel suo 4-4-2, con Yoshida al posto di Tonelli e Gabbiadini partner d’attacco dell’ex Quagliarella.

Gattuso recupera Ospina tra i pali, Manolas sostituisce Rrahamani al centro della difesa, al suo fianco Mario Rui al posto di Hysaj. Zielinski rileva Mertens e Politano Lozano, entrambi sulla trequarti.

La partita parte subito forte per il Napoli, con Zielinski che al 5’ spreca una palla al bacio di Politano. Il piano tattico della Sampdoria è difendere con ordine e ripartire, come dimostrato dal baricentro molto basso.

Questa tattica si dimostra inefficace in quanto i padroni di casa non costruiscono grosse azioni da gol nel primo tempo. Cosa che invece al Napoli riesce, soprattutto con Insigne e Fabian Ruiz, autore del gol de vantaggio.

Lo spagnolo innesca, al 35’, una combinazione che coinvolge Osimhen e Zielinski, con il polacco che restituisce palla a Ruiz che supera Audero con un sinistro dal limite dell’area.

Il primo tempo si chiude con un’altra occasione sprecata dagli azzurri, questa volta da Politano. Nel secondo tempo la musica cambia: la Sampdoria inizia ad alzare il baricentro e gli uomini di Gattuso vanno in sofferenza.

Dopo una doppia chance in avvio per il Napoli, infatti, Ospina salva due volte su Gabbiadini. Al 75’, poi, Thorsby sovrasta Koulibaly su calcio d’angolo e trova il gol dell’1-1.

Valeri viene però richiamato al VAR e dopo aver visionato le immagini del gol lo annulla perché il centrocampista norvegese commette fallo sul difensore azzurro.

Nel finale l’intensità della gara cresce e le squadre si allungano. Ed è proprio in questa situazione che Mertens lancia in campo aperto Osimhen: il nigeriano che resiste a Yoshida e supera per la seconda volta Audero.

Tre punti fondamentali per il Napoli nella corsa Champions, che supera l’Atalanta al quarto posto in attesa che gli uomini di Gasperini giochino nel posticipo di questa sera.