Sylvester Stallone, rivelazione choc: “Ho rischiato di morire per un pugno di Ivan Drago”

Nitto ATP Finals di Torino: Berrettini con Medvedev, Zverev e Hurkacz

Nel documentario ‘The Making of Rocky vs. Drago by Sylvester Stallone’, Sylvester Stallone ha rivelato di essere quasi morto per un pugno di Dolph Lundgren, l’Ivan Drago di Rocky IV.

Sly, che ha scritto, diretto e interpretato la pellicola uscita nel 1985, ha raccontato come, la sua idea fosse quella di voler utilizzare il suono reale dei pugni per le scene dell’incontro. Ma non aveva fatto i conti con il fatto che il suo avversario fosse cintura nera.

“Io non ho sentito (quel pugno) sul momento, ma più tardi quella notte il mio cuore ha cominciato a gonfiarsi”, racconta Stallone. “La mia pressione sanguigna è salita a 260 e stavo per parlare con gli angeli.

L’unica cosa che ricordo a questo punto è questo volo d’emergenza dal Canada”. L’attore è stato ricoverati in terapia intensiva in ospedale a Santa Monica, in California, per ben 4 giorni. Una storia che, per sua fortuna, il 75enne ha potuto raccontare.