Us Open, Berrettini si arrende a Djokovic in 4 set

Master 1000 Montecarlo. Sinner e Fognini, campione uscente, passano il primo turno.

Us Open, Berrettini battuto ai quarti di semifinale da Djokovic in 4 set: 5-76-2 6-2 6-3.

Matteo Berrettini si arrende nuovamente al n°1 del mondo, Nole Djokovic. Il tennista italiano vince il primo set ai quarti di finale dell’Us Open, per poi crollare contro il serbo.

“Non ho mai provato qualcosa di simile. Due anni fa con Nadal fu diverso, anche perché essendo in semifinale ero più stanco. Oggi stavo bene, ma non sono riuscito a tenere il livello di Djokovic per tutta la partita. Ho giocato bene, ma oggi si è visto perché è il più forte al mondo: non importa come stai giocando, lui fa semplicemente meglio”, spiega Berrettini.

“Per quanto potessi giocare bene, lui ha continuato ad alzare il livello e ha fatto meglio. Ha meritato la vittoria, ho visto le statistiche: fanno impressione” continua poi nell’intervista post-partita.

Dopo il primo set Matteo pensava di potercela fare, ma il tennis di Nole è salito di livello e non c’è stato niente da fare “Chiunque dopo un primo set dopo quello che abbiamo giocato avrebbe pagato con un po’ di stanchezza. Lui invece ha preso energia da quel set, al momento non c’è molto che io possa fare. Da questa partita imparo molto e l’obiettivo è quello di essere pronto la prossima volta”.

Arrivano anche i complimenti del serbo “Ho vinto un grande match. Una partita con tanta energia. Matteo è un giocatore formidabile. Quando ho perso il primo set, sono riuscito a dimenticarlo, a ritrovare la calma. All’inizio del secondo ho portato il mio tennis a un livello diverso. Sono stati i tre set migliori che ho giocato all’inizio del torneo. Matteo ha davvero uno dei migliori servizi del mondo. Bisogna stare davvero attenti con lui. La mia è stata una grande performance”.